O VAI O NON VAI E SE NON VAI, VENGONO

Un mondo che corre. E sempre piú veloce. Gente con poco tempo o gente che non sa come avere piú tempo. Millennials installati in nuovi modi di vivere –approposito, le discoteche stanno chiudendo a cascata perchè la gente non rimorchia piú andando a ballare–, seguiti dalla generazione Z che uguaglierá o supererá quella abitudine. Persone cosí tanto stressate che hanno bisogno di fare yoga prima di rilassarsi cucinando.

Respirare consapevolmente, calmare la mente e vivere qui ed ora raccomandano i coach di turno e gli esperti di spiritualitá. Comunque sia, la realtá è ció che è e sempre piú persone sprecano cibo d’asporto quando la fame chiama lo stomaco. Anche il take away forma parte del qui ed ora perchè è sempre piú richiesto e la sua crescita non sembra fermarsi a breve termine.

Trasporta i tuoi alimenti con i nostri contenitori «Feel Green», fabbricato con materia prima riciclate e nel rispetto dell’ambiente.

Ciclisti e motociclisti che effettuano consegne a domicilio sono ormai parte del paesaggio urbano. Uscire dal lavoro o andare a fare shopping e tornare a casa con una borsa con un kebab o, semplicemente, entrare in un supermercato con un angolo dove due giapponesi ti preparano un vassoio di sushi pronto per essere mangiato è tanto quotidiano come la neve in inverno in Finlandia e la pioggia tutto l’anno in Scozia.

Se parliamo sempre meno per telefono con amici, conoscenti e saluti e comunichiamo di piú tramite messaggistica, è logico pensare che le applicazioni per effettuare un ordine abbiano sempre piú esito in confronto a farlo chiamando il classino cinese o la classica pizzeria. La digitalizzazione in questo settore non fa eccezione. Al contrario, galoppa.

Le scatole di cartone con finestra sono ideali per tutti i tipi di cibo d’asporto come per esempio sushi e insalate.

Una delle notizie economiche della scorsa estate fu la fusione della britannica Just Eat con la olandese Takeaway.com, creando una gigante multinazionale che nel 2018 gestionó 360 milioni di ordini per un valore di 7.300 milioni di euro. Take away e delivery, le grandi tendenze.

Secondo i dati di AlphaWise, il servizio di analisi di mercato di Morgan Stanley, il volume di affari si moltiplicheranno per 10 in un paio d’anni. Per farsi carico dell’esplosione del fenomeno, si stima che nel 2022 l’11% del mercato mondiale sará alimentato grazie alla distribuzione di cibo a domicilio, il doppio che ora.

Questi dati aiutano a comprendere l’installazione delle cosiddette cucine oscure (Dark Kitchen) o cucine fantasma. Ossia, da quello che immaginiamo sia un ristorante classico, dobbiamo eliminare tavoli, sedie, banconi e camerieri, cosí che le cucine si dedichino esclusivamente alla distribuzione a domicilio. O vai o non vai e se non vai, vengono.

Contenitori per ristoranti orientali, italiani, ecc. Resistente a grassi.

E se vengono nel tuo locale a prendere da mangiare o ti cercano per farti portare del cibo a domicilio, devi essere preparato. Per questo abbiamo per voi un’intera gamma di prodotti nel catalogio Garcia de Pou, come le terrine di cartone in vari colori e personalizzabili per creme e zuppe calde e fredde, insalatiere, sacchetti per hamburger e vassoi per hot-dog, scatole per sushi e cibo orientale in generale o tante altre opzioni di scatole, valigiette porta pranzo o porta bottiglie, per esempio.

E mentre stai preparando un nuovo ordine, ti lasciamo un po’ di musica per farti lavorare molto serenamente ascoltando una versione di “Why” di Michael Jackson, come potrebbe essere altrimenti, di un duo chiamato “Take away”.

home catalog

Post Precedente Prossimo Post

Ti potrebbe piacere anche

Non ci sono commenti

Lascia un Commento